Enter your keyword

Il Presente Sfuggente

Il Presente Sfuggente

Il Presente Sfuggente

In quale segmento spazio-temporale ritieni si svolga l’intera esistenza dell’umanità e quindi anche la tua vita? La domanda potrebbe apparirti banale o paradossale, a secondo dello stato di coscienza o di conoscenza. Ognuno di noi può sperimentare Tutte le esperienze di vita sempre e SOLO nell’attimo presente e possiamo anche facilmente verificarlo, se per esempio ricordiamo eventi passati o fantastichiamo sul futuro dobbiamo ammettere che lo stiamo facendo solo Ora nel Presente!

Certo, siamo tutti consapevoli dell’apparente “scorrere del tempo” basta guardare l’orologio o calendari, le foto dei ricordi, i dati di nascita nei documenti o per i più temerari, semplicemente guardarsi allo specchio!:) Ma se è vero quel che diceva un certo Einstein, che il “Tempo non esiste” Allora perchè ci illudiamo che stiamo vivendo in modo lineare? Ma soprattutto, dov’è la percezione di “Noi Stessi” nell’Attimo Presente? Ovvero mentre attingiamo dalle nostre strutture mentali con ricordi ed emozioni del passato oppure quando proiettando paure/desideri in un ipotetico futuro?

Per renderci conto che ci stiamo illudendo di vivere realmente nel presente è indispensabile cambiare la nostra prospettiva rispetto all’idea della parola Presente che dovrebbe essere sinonimo di Presenza Consapevole. Mi spiego meglio, se chiedo a qualcuno -Tu vivi sempre nel presente? – la risposta è sempre SI CERTO! (e dice la verità), ma sarà solo in quell’attimo di consapevolezza! Perchè è solo grazie alla domanda specifica che avrà trasferito la propria Attenzione su “Se Stesso” e quindi alla constatazione del corpo fisico e mentale, è come se fosse un check-up intimo per poi tornare subito allo stato “Meccanico usuale” o inconsapevole. Provalo se già non l’hai fatto per istinto 🙂

Ma supponiamo che con la stessa persona poco dopo si iniziasse a parlare degli ultimi eventi terroristici e dei loro possibili effetti collaterali nella società in prossimo futuro, la Presenza consapevole di Se Stessi nel Presente svanirà….ed inizieranno ad innescarsi voci interiori, pensieri meccanici, emozioni e persino stati d’ansia. Ovvio tutto ciò ci accade nel presente, ma è come se fossimo in un futuro “probabile” che ancora NON esiste è Solo immaginario! E probabilmente esisterà se proprio ne siamo così “Auto-convinti” Non a caso qualsiasi tipo di terrorismo sia fisico che mentale conta proprio su queste leve psicologiche.

Intendo forse dire che non occorre pensare o discutere su argomenti che riguardano un’imminente futuro? NO! Intendo dire però che è Solo nel Presente che abbiamo l’unica opportunità di cambiare il futuro, perchè il futuro è la continua proiezione dei nostri pensieri passati e presenti, delle nostre emozioni, sensazioni e quindi Vibrazioni, espressi e rafforzati sempre e SOLO nell’attimo presente. E non mi riferisco ad un attimo presente casuale e sporadico ma perpetuo meccanico e quindi inconscio. Noi siamo gli unici creatori del nostro “Personale Universo” e creiamo, attraverso le nostre Frequenze Vibrazionali, in ogni singolo Attimo della nostra vita, sia che ne siamo consapevoli o meno.

Quindi il Presente Sfuggente è proprio dovuto dalla mancanza di consapevolezza del “Potere Creativo” (o distruttivo) che abbiamo nel presente rispetto a noi stessi e alla società, che sono sempre proiezioni di noi stessi, singolarmente e collettivamente. Osservarsi, ovvero essere presenti a noi stessi in ogni attimo della nostra vita, può esserci d’aiuto per comprendere se quello che trasmettiamo in quel momento è realmente quello che vogliamo ritrovare più avanti nel nostro futuro, e se ci vogliamo realmente bene, il nostro futuro lo vorremmo solo colmo di Amore, Pace, Armonia, Libertà, Abbondanza e tante altre sensazioni positive.

Vivere nel presente è come creare per noi e l’umanità intera, un futuro migliore con presenza e consapevolezza. Attenti agli estremismi però, non è necessario stressarsi in questa pratica di presenza, bacchettandosi per non essere sempre attenti e presenti, sono sufficienti per iniziare, anche solo dai 2 ai 5 secondi al giorno per notare di essere presenti a noi stessi. Anche la sola volontà di cogliersi in flagrante in proiezioni e fantasticherie negative e auto-boicottanti future (quindi inesistenti) darà i suoi frutti.

Nel tempo possiamo aumentare la frequenza o il tempo di “presenza” a nostro piacimento o circostanza, anche mentre camminiamo, mangiamo, guidiamo ecc. il solo rendersi conto degli automatismi ci può aiutare ad ESSERE NEL PRESENTE. Per far questo è indispensabile che accettiamo e abbracciamo con Amore lo stato attuale in cui ci troviamo, perché è solo accettando e vivendo nell’attimo presente che possiamo costruire un futuro migliore per Noi stessi e l’intera umanità.

No Comments

Post a Comment

Your email address will not be published.